Il nuovo arrivato "Qwant" prenderà il posto di Google?

Il nuovo arrivato
"Il motore di ricerca che rispetta la tua vita privata"

È questo il modo in cui si presenta il nuovo motore di ricerca Qwant.

Il fondatore è Eric Leandri, un uomo esperto di finanza e specialista nella sicurezza che crede nel rispetto della privacy degli utenti.

Questo è il motivo per cui ha voluto lanciare una valida alternativa al motore di ricerca più usato oggi, Google.

Eric Leandri ci tiene a precisare però, che Qwant non vuole competere con il colosso Google ma essere soltanto qualcosa di diverso.

Il particolare nome è dato dalla composizione delle parole "Quantity" e "Wanted".

Qwant diventa operativo per la prima volta in Francia nel 2013 e arriva in Italia ufficialmente nel mese di ottobre 2017.

Motore di ricerca europeo

Una caratteristica del motore di ricerca è che viene ospitato interamente su server europei ed è conforme alla normativa sulla privacy e tutela del consumatore.

L'utente che naviga su Qwant non verrà mai profilato perché il sistema di ricerca non utilizza i cookie e propone a tutti gli stessi risultati.

Il punto di forza e di distizione rispetto a Google è proprio l'anonimizzazione dell'indirizzo IP e dell'agent ID di ogni utente.

Il modello di business è esclusivamente basato sul canale di shopping, il marketplace di giochi e musica, e le inserzioni pubblicitarie.

Fetta di mercato di Qwant

Riuscirà Qwant a raggiungere i numeri di Google?

Sarà difficile raggiungere i numeri di Google ma staremo a vedere quale fetta di mercato si aggiudicherà.

Diventerà un motore di ricerca quasi sconosciuto come duckduckgo, ixquick o il motore ecologico ecosia? Oppure riuscirà a conquistare posizioni notevoli? Vedremo...

di bina
17 Ottobre, 2017

« Torna all'Archivio

Argomenti