Usare le Adwords per portare clienti in negozio

Usare le Adwords per portare clienti in negozio

Google si autodefinisce "la più grande azienda di misurazione multicanale del mondo" e supporta questa affermazione con un dato: negli ultimi due anni è stata in grado di tracciare globalmente oltre un miliardo di visite in attività commerciali.

La conversione "ingresso in negozio"

Da qualche tempo Google Adwords permette di tracciare un nuovo tipo di conversione per le campagne a pagamento. Ricordiamo che per conversione intendiamo la "trasformazione" di un utente in cliente. Esempi di conversioni classiche possono essere: un acquisto (ecommerce), una richiesta email, una registrazione al sito, una telefonata, aver visualizzato una pagina "chiave" (i contatti, una promo), etc.

Le conversioni offline degli annunci a pagamento, vale a dire le visite in negozio in seguito alla visualizzazione di una pubblicità online, sono indicatori molto importanti che aiutano a calcolare in modo più veritiero il ROI per le attività che non sono puri e-commerce e a decidere conseguentemente il budget più opportuno da investire in AdWords.

Il segmento/target "vicino al negozio"

Grazie a due novità introdotte in questi giorni, è possibile sfruttare la capacità di Google di profilare i propri utenti per aumentare le conversioni offline:

  1. il retargeting cross device per le campagne Display. Lo stesso profilo utente di Google è riconosciuto sia su desktop che su dispositivi mobile, rendendo realizzabile una campagna pubblicitaria mirata con i dati raccolti sui vari device utilizzati. Esempio: grazie al tuo smartphone so che sei entrato nel mio negozio, e ora posso pubblicizzartelo anche su PC quando sei a casa.
  2. l'opportunità di inserire estensioni di località negli annunci Display, oltre alle indicazioni per raggiungere il negozio via Google Maps e le foto. In questo modo grazie alla capacità di Google di capire dove siano i device mobili nel mondo reale in ogni singolo istante (attraverso Android, Google Maps e una non meglio specificata "localizzazione semantica"), si possono inviare banner pubblicitari ai potenziali clienti che sono localizzati in una determinata area intorno al negozio, invogliandoli a visitarlo.

Questa pubblicità comparirà mentre si naviga sui siti di interesse o all'interno delle app che stiamo usando quando ci troviamo nei pressi dell'attività commerciale che ci propone la pubblicità.

di cremo
29 Settembre, 2016

« Torna all'Archivio

Argomenti